Emissioni in atmosfera

Acque SpA e le controllate non gestiscono impianti soggetti alla normativa “Emission Trading” e non necessitano quindi di autorizzazioni alle emissioni rientranti in tale ambito.
Le quantità di gas ad effetto serra emessi in atmosfera da Acque è riconducibile ai processi di ossidazione rintracciabili sui grandi impianti di depurazione e dal parco mezzi.
Per quanto concerne i maggiori impianti di depurazione che sono quelli riportati di seguito il calcolo dell’anidride carbonica emessa è stato fatto utilizzando i classici fattori di emissione areali e può essere così riassunto: per ogni abitante equivalente da progetto si è stimata una produzione pari a 27,4 Kg di CO2 l’anno (Fonte: Appendice B1 - Fattori Emissione areali utilizzati - IREA 1997 Regione Piemonte).

Anidride carbonica emessa dai processi  di depurazione biologica

Abitanti Equivalenti (AE)

Kg di CO2
prodotti annualmente

 Impianto di Pagnana - Comune di Empoli

88.670

2.429.558

 Impianto Le Lame - Comune di Poggibonsi

74.300

2.035.820

 Impianto di Cambiano - Comune di Castelfiorentino

85.000

2.329.000

 Impianto Intercomunale - Comune di Pieve a Nievole

60.000

1.644.000

 Impianto Via Hangar - Comune di Potedera

40.000

1.096.000

 Impianto di San Jacopo - Comune di Pisa

40.000

1.096.000

 TOTALE

10.630.378

Per quanto concerne invece le emissioni relative al parco mezzi aziendale, il calcolo delle emissioni viene effettuato a partire dai quantitativi dei carburanti utilizzati e  utilizzando quale fonte per i coefficienti di emissione: Corinair, Emission Inventory Guidebook - Allegato A, DEC/RAS/854/05.

Il parco mezzi di Acque SpA è un parco relativamente giovane, la maggior parte dei mezzi risale al 2007. Attualmente il parco mezzi è alimentato in parte a benzina, in parte gasolio e in parte a metano. L’indicazione aziendale è quella di andare a dismettere le auto a benzina e di acquistare se possibile mezzi natural power.

Vengono inoltre effettuati controlli periodici sulle percorrenze e sulle assegnazioni dei mezzi aziendali in modo da procedere poi ad una migliore assegnazione degli stessi (Es: mezzi alimentati a benzina a soggetti che percorrono pochi km e assegnazione di mezzi alimentati a gasolio o metano a chi percorre distanze maggiori). Questo avviene grazie ad un programma informatico aziendale che consente per ogni singolo mezzo di sapere quanto è il suo costo annuale (assicurazione, bollo, consumo carburante, manutenzioni ordinarie e straordinarie).  Vengono inoltre fatti continui controlli sui dispositivi di sicurezza di ogni mezzo. 

Consistenza parco mezzi 

 

2009

2010

2011

 
Autovetture

37

22

21

Autocarri

238

263

241

Carrelli elevatori

7

10

10

Ciclomotore

1

0

0

Compressori

2

2

4

Gruppi elettrogeni

10

10

10

Rimorchio speciale compressore

3

3

3

TOTALE

279

310

289

di cui:      
a gasolio

115

122

112

a benzina

61

62

50

a benzina/gasolio

13

3

13

a benzina/metano

87

106

106

elettrici

3

10

10

Nel corso del 2010 sono stati venduti 25 mezzi. Nel 2011 sono stati rottamati 5 mezzi. 

Carburante utilizzato

Consumi annui

2009

2010

2011

Gasolio (lt)

141.418,38

133.474,29

120.846,57

Benzina (lt)

55.217,00

51.067,60

44.034,6

Metano (Kg)

101.702,37

108.403,06

116.093,91

 

 

 

 



L’origine dei dati è ottenuta da due fonti:

  1. File di testo inviati dall’ENI
  2. File in formato Excel inviati dai vari distributori di metano

File ENI

Questi file vengono inviati dall’ENI con cadenza quindicinale (a breve con cadenza mensile) all’Ufficio Acquisti. Sono file di testo che devono essere decodificati tramite un tracciato record che permette l’estrapolazione dei dati. Da questi file viene rintracciato il consumo di benzina e gasolio.

File Metano

Vengono inviati dai distributori di metano convenzionati con Acque SpA con cadenza mensile. Sono file Excel con una struttura ben definita e specificano, tra l’altro, la targa, la data di rifornimento, i km percorsi dal mezzo, i Lt/Kg riforniti e il codice del distributore dove è avvenuto il rifornimento.
I due tipi di file vengono caricati sul data base SQL Server 2005 del PAA (Portale Area Acquisti). Tutte le estrazioni che riguardano il parco auto di Acque, hanno questa base di dati come origine.


Produzione di anidride carbonica relativa al parco mezzi di Acque SpA

Emissioni in atmosfera dei mezzi (ton)

Totale

2009

2010

2011

 CO

7,463

6,919

6,004

 CO2

506,694

773,527

744,208

 NOX

2,440

2,293

2,057

 NMVOC

0,727

0,677

0,592

 CH4

0,049

0,046

0,040

 PM

276,510

294,705

315,582

 SOx

0,795

0,731

0,659

* Coefficienti di emissione: Corinair, Emission Inventory Guidebook - Allegato A, DEC/RAS/854/05.

Altre emissioni in atmosfera dirette consistono nelle potenziali emissioni di gas refrigerante dovute a fughe da impianti di condizionamento e le emissioni di inquinanti dovute alla combustione dei combustibili fossili nelle caldaie.

Per evitare la dispersione di sostanze lesive per l’ozono e di sostanze ad effetto serra  degli apparecchi di  condizionamento  aziendali, sono state attivate  tutte le iniziative previste dal regolamento  europeo 842/2006 e dal DPR 146/06 e disposizioni attuative seguenti.

Nei circuiti refrigeranti dei condizionatori  sono presenti  gas come  R22 (HCFC 22) lesivo per l’ozono o i gas a effetto serra  (R407C, R410 ..). E’ stato effettuato il censimento di tutte le apparecchiature di questo tipo e mappato il contenuto ed il quantitativo del gas utilizzato. Tutte le apparecchiature mappate sono comunque inferiori ai 3Kg.