Compliance ambientale

Nel 2011 si sono verificati, in ambito di danno ambientale e di bonifica di siti inquinati, sei sversamenti, per nessuno dei quali è stato necessario intervenire con successiva bonifica. E’ importante sottolineare che Acque SpA in ciascuno degli eventi sopra menzionati è intervenuta prontamente: le riparazioni sulle tubature e il ripristino delle matrici ambientali allo stato originario sono state ultimate nei giorni immediatamente successivi a quello dell’evento accidentale. Ad oggi, solo un procedimento risulta ancora aperto perché, in seguito alla prima sessione di analisi, sono emersi dei valori contrastanti rispetto ad alcuni parametri chimici.  L’azienda per questo motivo, di concerto con gli Enti, ha ritenuto necessario effettuare ulteriori controlli, allo stato attuale siamo in attesa dei risultati analitici al fine di specificare al meglio i valori delle concentrazioni soglia di contaminazione (CSC) del sito in questione; la chiusura della procedura sarà definita alla conclusione della campagna analitica integrativa.
Il sistema, tra l’altro prevede una specifica procedura descrittiva dell’iter corretto di gestione degli eventuali sversamenti.

Nel 2010 e 2011 non si sono verificate violazioni penali pur avendo ricevuto n.15 verbali dell’ARPAT in cui Acque ha chiesto di portare la documentazione difensiva di riferimento.
L’importo complessivo corrisposto nell’anno 2011 – relativo a sanzioni amministrative – è di euro 7.811,20 relativo al pagamento di due superamenti dei limiti di tabella 3 Allegato 5 alla Parte Terza del D.Lgs. 152/2006 segnalate dall’ARPAT di Lucca che risalgono al 2007 ed al 2008.
Acque ha inoltre estinto nel 2011 due sanzioni penali relative a fatti del 2008 e 2009 di euro 13.022 e euro 125: la prima è relativa alla mancata comunicazione agli Enti competenti di una potenziale contaminazione ai sensi dell’art 242 comma 1 così come previsto dall’art 304 comma 2 del D.Lgs. 152/2006 per uno sversamento all’interno del Depuratore di Pagnana Empoli;  la seconda  è relativa alla violazione art. 674 c.p. per un versamento fognario nel Comune di Capannori in Loc. Ponte Strada Verciano. Risultano ancora pendenti infine due procedimenti penali presso il Tribunale di Pisa.