Controlli delegati all'Arpat

 

Il laboratorio di Acque SpA, effettua anche controlli a monte e a valle degli impianti di depurazione su delega dell’ARPAT secondo un protocollo di intesa che disciplina i tempi e le modalità di trasmissione. Per ogni depuratore viene definito tra Acque SpA e ARPAT un piano di campionamento annuale contenente i controlli di conformità a carico del gestore, quelli a carico di ARPAT e gli autocontrolli a carico di Acque.

Il Laboratorio effettua inoltre le analisi per il controllo degli scarichi in pubblica fognatura delle utenze produttive che sono allacciate alla rete di Acque SpA. Tali controlli hanno la finalità di verificare il rispetto dei limiti di accettabilità oltre al controllo delle concentrazioni degli inquinanti ai fini tariffari. Acque SpA nel corso del 2013 ha controllato 266 Aziende attraverso 384 prelievi di campioni sui quali sono state determinati circa 4485 parametri

 

 

 Anno

Aziende controllate su totale delle aziende controllabili

Campioni  effettuati

2012

223/ 367      60,7%

418

2013

266/ 400      66,5%

384

 

Nel 2013 è proseguito il percorso per arrivare all’accreditamento del laboratorio di Pontedera secondo lo standard internazionale UNI EN ISO/IEC 17025. L'accreditamento è un processo tramite il quale un ente di terza parte, indipendente e autorevole stabilisce, ai sensi di norme riconosciute ed applicabili, l'imparzialità e la competenza di un'organizzazione, o di un singolo professionista, di eseguire specifici compiti. La norma internazionale UNI EN ISO/IEC 17025 definisce i requisiti che un laboratorio deve soddisfare per dimostrare la competenza tecnica del suo personale e la disponibilità di tutte le risorse tecniche, tali da garantire dati e risultati che siano accurati e affidabili per specifiche prove, misurazioni e tarature.

 Il processo di accreditamento prevede ispettori tecnici esperti, capaci di condurre un'accurata valutazione di tutti gli elementi che inficiano la produzione dei dati tecnici, fra i quali:

  • Competenza tecnica del personale.
  • Validità e idoneità dei metodi applicati.
  • Riferibilità metrologica delle misure e delle tarature ai campioni nazionali e internazionali del sistema SI delle unità di misura.
  • Applicazione appropriata dell'incertezza di misura.
  • Idoneità, taratura e manutenzione delle attrezzature per le prove.
  • Condizioni ambientali in cui si svolgono le prove.
  • Campionamento, la gestione e il trasporto degli oggetti di prova;
  • Garanzia della qualità dei dati delle prove e delle tarature.

Garanzia della qualità dei dati delle prove e delle tarature. La ISO/IEC 17025 prevede, inoltre, che il sistema di gestione sia conforme anche ai principi della norma UNI EN ISO 9001. Essere in conformità con i requisiti della ISO/IEC 17025 significa, quindi, che il laboratorio soddisfa sia i requisiti tecnici che quelli relativi al sistema di gestione necessari per offrire risultati tecnicamente validi di prove e di tarature. A fine anno è stata inoltrata ad Accredia la domanda e tutta la documentazione necessaria per procedere con l’accreditamento. La verifica da parte dell’ente terzo è prevista a maggio 2014.