Lettera dell'alta direzione agli stakeholder

Si cLetteraonclude con l'approvazione del Bilancio 2013 il mandato triennale del Consiglio di Amministrazione di Acque SpA. È quindi l'occasione per tracciare un bilancio di insieme dell'attività svolta.

 Nel triennio Acque SpA ha chiuso i propri bilanci con risultati di sostenibilità sempre positivi e in costante crescita. Risultati tanto più apprezzabili poiché maturati in un quadro caratterizzato da non pochi elementi d’incertezza; un periodo di transizione, apertosi all’indomani del referendum del 2011 che, di fatto ha rischiato di bloccare gli investimenti delle aziende del settore idrico e in alcuni casi di mettere a rischio il loro stesso equilibrio finanziario.

 

Con la stabilizzazione del quadro normativo e tariffario, così per come si sta profilando negli ultimi mesi, si intravede la possibilità di riprendere un confronto sulle forme e i modi di rilancio degli investimenti nel settore idrico, di cui c'è davvero urgente bisogno, anche come volano per la ripresa della crescita economica e sociale del territorio.

Tuttavia, come dicevamo, non siamo stati alla finestra: abbiamo cercato di migliorare sempre di più l’efficienza e la qualità dei nostri servizi, generando valore per l’intero sistema in cui operiamo, non solo in termini d’impresa, ma anche di contributo alla sostenibilità dell’economia locale.

Come sempre, tutto questo non sarebbe stato possibile senza il nostro valore più importante: i lavoratori, gli utenti, il territorio, hanno consentito di raggiungere i fondamentali obiettivi di crescita, stabilità, qualità che ci eravamo prefissati.

Acque SpA non dimentica il contesto sociale in cui opera. Coerentemente con i nostri valori, abbiamo anche quest’anno sostenuto iniziative che promuovono l’integrazione, lo sviluppo, la creazione d’impresa, la solidarietà con i più deboli. I nostri Bilanci di Sostenibilità mostrano quanto, progressivamente, siamo cresciuti e cambiati in questi anni. La sostenibilità è strategicamente parte del nostro modo di lavorare da anni e questo nostro sesto Bilancio di Sostenibilità ne è la testimonianza: una piccola storia di risultati e di valore sociale.

La consapevolezza dei risultati raggiunti e i lusinghieri riconoscimenti ottenuti (Premio Non Sprecare 2013, Premio “piccole-medie imprese” al 2° Top Utility Award) non ci inducono certo a tralasciare le criticità che ci stanno di fronte.

Il nostro impegno è quindi di continuare a dare piena sostanza alla visione socialmente responsabile insita nella nostra politica, non arretrando di fronte al rischio di dover affrontare scelte sempre più impegnative e di cambiamento.

 

 

PRESIDENTE
Dott. Giuseppe Sardu

AMMINISTRATORE DELEGATO 
Ing. Emanuela Cartoni